Seduta consiliare del 30 novembre

Il neo sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi, Pierluca Laghezza, si è presentato alla massima assise cittadina enunciando quali saranno i principi intorno ai quali si andrà a sviluppare l’attività “amministrativa” del consiglio giovane. Il piccolo sindaco ha sottolineato anche la “distanza politica” esistente tra il loro mondo e quello dei più grandi. Il consigliere Giuseppe Cardillo ha sottoposto all’attenzione dei presenti lo stato di crisi attraversato dai lavoratori dell’edilizia per mancanza di commesse, in seguito al blocco della stessa edilizia massafrese. Il consigliere arch. Giuseppe Cofano ha parlato dello stato dell’economia locale e dei ritardi incomprensibili nello sblocco dell’edilizia comunale e della Zona terziaria.
Anche le problematiche inerenti al Carnevale sono state toccate dall’arch. Cofano. Il consigliere Nicola Zanframundo, agganciandosi a quanto suddetto, ha chiesto di affrontare i problemi non in modo strumentale, ma offrendo soluzioni concrete. Il consigliere Giuseppe Sportelli ha parlato di una edilizia massafrese non strutturata, ovvero di iniziative senza forti fondamenta (mancanza di PRG o PUG). Il capogruppo Cosimo Semeraro ha replicato alle accuse di “immobilismo edilizio” enunciando quanto realizzato dall’Amministrazione e la volontà di rimuovere ogni ostacolo di sviluppo. Il consigliere Antonio Viesti, a proposito della crisi edilizia e del Carnevale, ha chiesto all’Amministrazione di assumersi le proprie responsabilità.
L’assessore al Bilancio, Franco Gravina, ha relazionato sulla variazione generale di assestamento del Bilancio di previsione 2009. L’assessore ha sottolineato come il Bilancio sia in sostanziale equilibrio e come l’assestamento sia minimo. Il capogruppo dell’UDC, Salvatore Fuggiano, ha dichiarato il voto negativo del gruppo, senza polemica e con spirito costruttivo, in coerenza con quanto già espresso in occasione dell’approvazione di Bilancio. Il consigliere dott. Cofano ha chiesto la convocazione di sedute monotematiche sui vari punti che sono emersi nel corso del dibattito, come PRG, PUG, Carnevale.
Il capogruppo Giuseppe Sportelli ha invitato la minoranza ad avanzare proposte per la risoluzione delle problematiche enunciate. L’arch. Cofano ha affermato che non basta incolonnare i numeri per l’assestamento, ma bisogna valutare un’azione politico-amministrativa che non ha centrato obiettivi importanti.
Il sindaco Martino Tamburrano, con un certosino intervento, ha replicato alle precedenti esternazioni dei consiglieri, elencando tutte le importanti opere realizzate dall’Amministrazione, senza aumentare le tasse, mantenendo un Bilancio certo, positivo e sicuro e tenendo sempre presente le attività sociali e lo sviluppo del territorio. Con 17 voti favorevoli, 11 contrari e 2 astenuti l’assestamento è stato approvato. Approvate anche (alcune all’unanimità, altre a maggioranza) le ratifiche di delibere di Giunta Comunale aventi ad oggetto variazioni al Bilancio di Previsione 2009 per varie esigenze. Modificato (con 17 voti favorevoli e 8 contrari) l’art. 13 del Regolamento di contabilità inerente ai termini di presentazione del Bilancio da parte della Giunta al Consiglio. Il sindaco Tamburrano ha relazionato sul punto inerente al Regolamento per l’alienazione dei beni immobili comunali sottolineando che tale strumento rappresenta un punto di passaggio obbligatorio per la vendita delle strutture destinate a “macello comunale”, con il contestuale reinvestimento nella realizzazione della “Cittadella del Carnevale”. L’occasione è stata propizia al sindaco per soffermarsi sul “problema” Carnevale e per tracciare la cronistoria degli ultimi mesi. Inoltre Tamburrano si è dichiarato pronto a incontrare nuovamente i cartapestai per rivedere il tutto e trovare un punto d’incontro.
La minoranza ha sostenuto che non andava confuso il Regolamento con il Carnevale e che non vi era la necessità di approvare il Regolamento e di vendere i propri beni. Il Regolamento, dopo essere stato emendato, è stato approvato con 18 voti favorevoli e 11 contrari. Respinto, con 16 voti contrari e 11 favorevoli, l’annullamento in autotutela della delibera inerente alla nomina dei componenti il Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2009/2011.

Advertisements
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: