Chiesa Madre, riapre l’antico oratorio del Sacramento

Stasera alle 19, nell’antica chiesa Madre di Massafra (nei pressi della Statale Appia) mons. Pietro Maria Fragnelli, vescovo di Castellaneta, presiederà la solenne cerimonia di riapertura, dopo i lavori di restauro, dell’Oratorio della cinquecentesca arciconfraternita del Santissimo Sacramento.
Come precisa il priore del sodalizio, Pietro Carone, l’intervento rappresenta non solo attenzione al recupero del patrimonio della città, ma la volontà di profondere un tangibile impegno nelle problematiche connesse
all’immigrazione, all’emarginazione, alle nuove e vecchie forme di povertà.
Nel corso della serata, mons. Cosimo Damiano Fonseca, padre spirituale dell’arciconfraternita
e rettore della chiesa Madre, terrà un intervento su “L’atletica penitenziale: alle origini della religiosità e della ritualità barocca in Puglia”. Mons. Fonseca si soffermerà sui modelli devozionali sorti all’interno dei contesti urbani o delle “aggregazioni demiche del contado in Puglia”, e come queste abbiano il loro antecedente storico in quel movimento di riforma promosso nell’età barocca dal veemente impegno degli ordini religiosi, primo fra tutti – come afferma Fonseca – quello dei Gesuiti che, attraverso una accorta e perseverante strategia missionaria, impressero un preciso volto alla religiosità meridionale.
Il sindaco Martino Tamburrano afferma che la riapertura dell’Oratorio imprime una forte scossa alle nostre coscienze, travalicando ogni similitudine aggregativa e rincorrendo il significato e la funzione più vera
di questo luogo: fucina di uomini. Quelli veri, quelli che determinano la storia
di una comunità. Le conclusioni saranno affidate a mons. Fragnelli.
Per solennizzare il momento della riapertura dell’Oratorio è stato predisposto uno speciale annullo filatelico che sarà rilasciato dall’Ufficio postale temporaneo nei locali dell’antica chiesa Madre.
Il designer Nicola Andreace, autore del bozzetto dell’annullo filatelico, per tale occasione ha realizzato su tela le otto statue della processione dei Sacri Misteri che il venerdì santo percorrono le vie cittadine.
Le tele sono state riprodotte e raccolte in un’artistica cartella che sarà distribuita al termine della cerimonia di inaugurazione patrocinata dal Comune.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: