Al “Settembre Massafrese” anche l’attore Roberto Farnesi

palio14

Annunci

La siciliana Eleonora Tavilla trionfa al Music Life Festival

Eleonora Tavilla Vincitrice del Festival 2014-foto Luigi SerioÈ la siciliana Eleonora Tavilla la vincitrice del «Music Life Festival – Città di Massafra» 2014.
La sesta edizione del concorso canoro nazionale, organizzato dall’associazione culturale-musicale Musik Life, in collaborazione con l’etichetta discografica Musitalia, per quattro serate, (dal 21 al 24 agosto), ha acceso i riflettori sui giovani aspiranti cantanti in gara provenienti dal Centro-Sud della Penisola.
Elevato il livello tecnico delle esibizioni, tant’è che non è stato facile emettere il verdetto finale per la giuria tecnica, composta da: Gianni Ciarella, (musicista, presidente); Girolamo Di Pace (musicista); Cosimo Ciccone (docente di Canto); Salvatore La Placa (pubblicitario e giornalista, collaboratore di Radio Lattemiele); (Melina Giallansa (truccatrice, esperta d’immagine), Antonio Centomani (regista cinematografico) e Dominique Antonacci (leader del gruppo musicale Terraròss).
Tra i 23 finalisti, la 21enne Eleonora Tavilla, di Messina, con l’interpretazione di “Io vivrò senza te” di Lucio Battisti e “My Immortal” degli Evanescence, ha messo tutti d’accordo.
«È stata una vittoria inaspettata», ha commentato Eleonora, laureata all’Accademia d’Arte, amante della pittura e del canto, che ha aggiunto: «Sono contenta, perché gli sforzi fatti in questi anni sono stati riconosciuti. Ora, voglio migliorarmi artisticamente ed imparare cose nuove».
Ad Eleonora Tavilla è stato assegnato un brano inedito, scritto e musicato da Gianni Ciarella, che sarà presentato alla Commissione artistica del Festival di Sanremo 2015 attraverso l’etichetta discografica Musitalia.
Secondo posto per Carmela Serra di Palagiano, terzo ex aequo per Valentina Colonna di Taranto ed Ersilia Gullotta di Messina.
Nella categoria band, la vittoria finale è stata appannaggio dei Brauns di Andria, pronti a calcare il palco della rassegna romagnola “The Semifinals Tour Sanremo Rock 2014”.
Tra i più piccoli, primo posto ex aequo per la fasanese Marzia Guarini, 13 anni, che ha guadagnato l’accesso al “Festival Baby Voice 2014” di Castrocaro, e la massafrese Elisa Termite, 12 anni, tra i prossimi iscritti all’Accademia di Castrocaro.
Nella categoria “Senjor” del «Music Life Festival – Canta che ti passa», primo posto ex aequo per Augusto Abate di Avellino ed Antonella Fedele di Messina.
Il premio International Festival Partner Castrocaro, invece, è andato alla palermitana Roberta Arena. Assegnato anche il premio della Critica, “per le doti canore e la convincente presenza scenica”, alla 17enne Ersilia Gullotta di Messina.
La kermesse, ideata dal direttore artistico Roberto Panarelli, nell’ambito del progetto “Festival Canoro Città di Massafra – Canta che ti passa” – patrocinata dal Comune di Massafra – Assessorato al Turismo e Spettacolo, dall’Unione dei Comuni Terra delle Gravine (Crispiano, Massafra e Statte) e dall’Associazione dei Fonografici Italiani (Afi) – che ha visto la presenza dell’editore musicale e produttore televisivo Mariella Restuccia di Musitalia, anche quest’anno ha registrato un grosso successo di pubblico. La serata finale è stata seguita da oltre 2mila spettatori che hanno affollato Corso Roma e le vie adiacenti.
Soddisfatto, il patron Panarelli ha dichiarato: «È stata un’edizione straordinaria, di grande qualità artistica. Anche l’organizzazione è migliorata rispetto al passato. Questo ci consente di consolidare il prestigio del nostro festival, ormai riconosciuto come fucina di talenti in tutto il Centro-Sud. Ringrazio quanti, a vario titolo, hanno contribuito al grande successo della manifestazione, in particolare, i componenti dell’associazione Musik Life e il direttore di scena Gianni D’Amati».
Ad arricchire la rassegna canora anche numerosi ospiti: Ugo Bianco di Castellaneta, vincitore del festival 2013, tra i candidati al prossimo Sanremo Giovani, che ha aperto la serata finale; Yvonne Tocci, tarantina, dal Canta che ti passa, quest’anno al talent di Rai Due “The Voice of Italy”; il cantautore tarantino Enzo Latanza e il cabarettista martinese Angelo Salamina, volto noto della trasmissione televisiva di Canale 5 “La sai l’ultima?”. E infine, le coreografie di David Montanaro e Dalila Longo della Universal Dance; di Giuseppe Albanese (Ballando con le stelle, Rai Uno) e Sandy Lezza della Hollywood Dance e del ballerino professionista Francesco Bax.
(foto Luigi Serio)

Massafra Summer Jazz, il 30 luglio, alle 21, in Piazza Pio XI

30 luglio

Mercoledì nell’Antica Chiesa Madre

VOLUMI

Riti quaresimali, ecco il poster realizzato dal Comune

poster
Il sindaco Martino Tamburrano, in occasione dei Riti della Quaresima e della Settimana Santa, ha avviato una campagna di comunicazione attraverso manifesti murali e cartoline postali, finalizzata a valorizzare gli appuntamenti di maggior richiamo della settimana definita giustamente “maggiore”. Nelle immagini è richiamata la processione dei Sacri Misteri, uno dei più alti momenti di religiosità, curata dalla cinquecentesca Arciconfraternita del Santissimo Sacramento (inizio ore 17,30 di venerdì 18 aprile).
Un rito che ha come quinta naturale il Centro Storico, ingrediente indispensabile per valorizzare i motivi sociali, spirituali e religiosi che furono alle origini di questi cammini penitenziali.
La processione dei Sacri Misteri, espressione di fede e preghiera, prende il via dall’antica Chiesa Madre, nella parte a sud della Città, per snodarsi sulla ripida Via Muro, in una sequela di abitazioni messe l’una contro l’altra senza il respiro di strade o piazze. E’ l’antico che si arrampica al nuovo. Il significato dei Riti massafresi è stato così sintetizzato dal sindaco Tamburrano: fede, silenzio, cultura, tradizione, fascino ed emozioni. Le foto simbolo della campagna di comunicazione sono state concesse da Giusy Tamburrano. Intanto, venerdì 18 aprile, in occasione della solenne Processione dei Sacri Misteri, la circolazione stradale – informa il Comune – subirà alcune variazioni. Dalle ore 15,00 e sino al termine della processione sarà vietata la sosta a tutti i veicoli nelle seguenti strade e piazze: Largo Mons. Fernando Maraglino, Vico Moro, Via Muro, Via Messapia, Via Mameli, Via Vittorio Veneto, Largo S. Benedetto, Piazza Garibaldi, Via La Terra. Inoltre, nelle seguenti Vie e Piazze sarà vietata la circolazione stradale durante il transito della Processione: Via delle Concerie, Largo Mons. Fernando Maraglino, Vico Moro, Via Muro, Via Messapia, Via Mameli, Via Vittorio Veneto, Largo San Benedetto, Piazza Garibaldi, Via Caduti della Nave Roma, Via La Terra. Tutti gli automobilisti sono invitati a prestare la massima attenzione alla segnaletica preposta.

61° Carnevale, sfilate al via con i più piccoli

61esimo manifesto carnevale

Alcuni fatti del ’43, domenica alle 20, al Teatro Comunale

testo
Domenica 9 febbraio, la Residenza Teatrale di Massafra ospiterà lo spettacolo “Alcuni fatti del ‘43”, scritto e interpretato da Paolo Panaro. Produzione Centro Diaghilev.
Sipario ore 20, Teatro Comunale (Piazza Garibaldi). «Mincuccio Malerba è un giovane pescatore di un piccolo paese della costa pugliese.
Durante la Seconda Guerra Mondiale è marinaio della Regia Marina Italiana ma dopo il tragico 8 settembre 1943, si ritrova senza nave, privo di mezzi e completamente abbandonato a se stesso sull’isola di Corfù, occupata dai nazisti. Come fare a salvarsi e tornare a casa?».
«Con altri fuggiaschi italiani Mincuccio Malerba si impossessa di una imbarcazione a remi. I tredici profughi remano senza sosta per il canale d’Otranto finché non giungono sulle coste del Salento. Mincuccio risale da solo e a piedi la Puglia. Lungo la strada attraversa Otranto, paese ormai abitato solo da donne. Più in là incontra un gruppo di raccoglitrici di olive allo sbando che cercano di farlo accoppiare a una giovane sfortunata, Rita che avendo perso il marito la prima notte di nozze ha smarrito la ragione. Infine, di notte, viene aiutato da una contrabbandiera che gli racconta del suo uomo morto in guerra.
Quando arriva finalmente a casa la ritrova lesionata dalle bombe. Rivede suo padre, molto invecchiato e più povero di prima: i tedeschi lo hanno espropriato del suo unico mezzo di sostentamento, la barca. Mincuccio, allora, deciso a comprare una nuova barca, accetta la proposta di un soldato italo-americano: remare in una regata di amicizia che si terrà nel porto di Brindisi fra le barche delle nazioni alleate. Ed è proprio nelle acque di questo porto che, per un incidente, Mincuccio, salvatosi dalla guerra, andrà incontro al suo tragico destino».
Lo spettacolo rientra nella rassegna di teatro contemporaneo “LégamInTeatro” della stagione 2013/2014 realizzata dal Teatro delle Forche nell’ambito dell’intervento “Innovazione nella rete delle Residenze Teatrali”.
Il costo del biglietto intero è di 10 euro, ridotto 8 euro (over 65, under 25 e possessori di Agis Card). Info e prenotazioni:099.8801932; 349.7148766.